Alessandro Sciarroni, FOLK-S, will you still love me tomorrow?, 2012, ph. Matteo Maffesanti.
Archive: Filter by: All
Close
All
Digital Library
Editions
Magazine
Projects
alterità
attivismo
biopolitica
critica d'arte
critica ecologica
filosofia politica
intersezionalità
massmedia
neuroscienze
nuove utopie
postcolonialismo
postumanesimo
queer
sottoculture
studi culturali
studi di genere
studi sociali
tecnologie
Cybernetic Culture Research Unit

Il Numogramma Decimale

H.P. Lovercraft, Arthur Conan Doyle, millenarismo cibernetico, accelerazionismo, Deleuze & Guattari, stregoneria e tradizioni occultiste. Come sono riusciti i membri della Cybernetic Culture Research Unit a unire questi elementi nella formulazione di un «Labirinto decimale», simile alla qabbaláh, volto alla decodificazione di eventi del passato e accadimenti culturali che si auto-realizzano grazie a un fenomeno di “intensificazione temporale”?

K-studies

Hypernature. Tecnoetica e tecnoutopie dal presente

Avery Dame-Griff, Barbara Mazzolai, Elias Capello, Emanuela Del Dottore, Hilary Malatino, Kerstin Denecke, Mark Jarzombek, Oliver L. Haimson, Shlomo Cohen, Zahari Richter
Nuove utopieTecnologie

Dinosauri riportati in vita, nanorobot in grado di ripristinare interi ecosistemi, esseri umani geneticamente potenziati. Ma anche intelligenze artificiali ispirate alle piante, sofisticati sistemi di tracciamento dati e tecnologie transessuali. Questi sono solo alcuni dei numerosi esempi dell’inarrestabile avanzata tecnologica che ha trasformato radicalmente le nostre società e il...

Visitors
Publications, 29 November 2020
K-pocket N° 3

Visitors

Boris Groys, Daniel Trilling, Gaia Giuliani, Oleksiy Radynski, Saskia Sassen, Thomas Nail

In Europa la gestione degli arrivi e dell’accoglienza dei rifugiati presenta ormai la forma inequivocabile di una continua violazione dei diritti umani: nel solo periodo che va dal 2014 a metà 2019, circa 15.000 persone sono decedute in mare nel tentativo di raggiungere gli Stati europei dall’Africa attraverso la rotta mediterranea.

La recente escalation di questo fenomeno si è avuta a seguito di una progressiva criminalizzazione delle operazioni di soccorso in mare delle Organizzazioni non governative, di derive identitarie e xenofobe sempre più evidenti nelle politiche degli Stati e della difficoltà da parte dell’Unione europea di garantire per i migranti canali sicuri e regolari. Tuttavia, le cause profonde dell’emergenza storica e umanitaria in atto potrebbero risiedere nelle modalità attraverso cui gli esseri umani costruiscono un’identità (personale e nazionale) nella quale riconoscersi.

Contro società come quella fondata sul patriarcato bianco eterosessuale, che identificano l’altro come minaccia per la stabilità e sicurezza del gruppo dominante, le voci di Gaia Giuliani, Boris Groys, Thomas Nail, Oleksiy Radynski, Saskia Sassen e Daniel Trilling invocano un immaginario alternativo per la promozione di una cultura inclusiva in grado di preservare le differenze e contrastare le discriminazioni legate al sesso, al genere, all’etnia e alla religione.

Nel volume è presente un glossario con una serie di espressioni e neologismi utili al dibattito sul tema.

 

INDICE DEI CONTENUTI

Saskia Sassen
La finanziarizzazione dell’economia globale e le sue espulsioni

Daniel Trilling
Raccontare la crisi europea dei migranti tra diffusione di miti e dati reali

Gaia Giuliani
White anxiety: tra missionarismo salvatore e pensiero sovranista

Thomas Nail
Rivoluzione cinetica: comprendere la realtà attraverso la “filosofia del movimento”

Boris Groys
L’Alterità nella costruzione dell’identità europea

Oleksiy Radynski
Comunità artistiche e virtuali nell’Ucraina in guerra

More on Editions & Magazine

More on Digital Library & Projects

Iscriviti alla Newsletter

"Information is power. But like all power, there are those who want to keep it for themselves. But sharing isn’t immoral – it’s a moral imperative” (Aaron Swartz)

K-pocket
K-POCKET GUIDE è una collana di brevi volumi incentrati ognuno su uno specifico argomento di arte e cultura contemporanea e concepiti come manuali di studio e approfondimento. Ogni volume contiene una raccolta di testi, interviste e glossari su un tema centrale del dibattito contemporaneo internazionale, configurandosi come una guida agile e sintetica per orientarsi all’interno del complesso universo di concetti, termini, neologismi ed espressioni che popolano il linguaggio dei media ma di cui spesso ignoriamo il significato.
Autori
  • Boris Groys
    Boris Groys è critico d’arte, teorico dei media e filosofo. È professore di Slavistica e di Russistica alla New York University ed è ricercatore all’Università di Arti e Design di Karlsruhe. Tra i maggiori studiosi di teoria dei media, ha pubblicato, tra le altre cose, Art power (Postmedia Books, 2012), Going Public (Postmedia Books, 2013) e In the Flow. L’arte nell’epoca della riproducibilità digitale (Postmedia Books, 2018).
  • Daniel Trilling
    Daniel Trilling è un giornalista britannico, editore dal 2013 di «New Humanist», rivista della Rationalist Association, e autore di articoli e reportage per «London Review of Books», «The Guardian», «The New York Times» e «Al Jazeera». Nei suoi scritti ha trattato principalmente di migrazione, di rifugiati in Europa, di gestione dei confini in termini politici e di nazionalismo. Insegna inoltre Creative Storytelling – un corso di long-form journalism per studenti di giornalismo al London College of Communication presso lo UAL (University of the Arts London). Tra le sue pubblicazioni si ricordano Bloody Nasty People: the rise of Britain’s far right (finalista all’Orwell Prize) e Lights In The Distance: Exile and Refuge at the Borders of Europe (edito in Italia da Marsilio Editore). Nel 2017 ha vinto il Migration Media Award per il migliore articolo sul tema delle migrazioni.
  • Gaia Giuliani
    Gaia Giuliani è ricercatrice presso il Centro de Estudos Sociais (CES) dell’Università di Coimbra, dove è PI del progetto FCT (De)Othering. Deconstructing Risk and Otherness: hegemonic scripts and counter-narratives on migrants/refugees and ‘internal Others’ in Portuguese and European mediascapes (2018-2121). Nel 2005 ottiene il dottorato presso l’Università di Torino e nel 2018 è insignita del titolo di professore associato in Filosofia politica dal MIUR. È membro fondatore di InteRGRace, Gruppo di ricerca interdisciplinare su razza e razzismi (2014). Tra le sue pubblicazioni si annoverano i libri monografici Race, Nation, and Gender in Modern Italy. Intersectional Representations in Visual Culture (Palgrave Macmillan, 2018), Zombie, alieni e mutanti. Le paure dall’11 settembre ai giorni nostri (Le Monnier, 2016), Beyond curiosity. James Mill e la costruzione del governo coloniale britannico in India (Aracne, 2008) e Bianco e nero. Storia dell’Identità razziale degli italiani, scritto insieme a Cristina Lombardi-Diop (Le Monnier, 2013).
  • Oleksiy Radynski
    Oleksiy Radynski è un regista e scrittore ucraino attivo a Kyiv. Si serve della pratica cinematografica per analizzare la relazione tra osservazione e partecipazione, realtà e finzione, ideologia e attaccamento. I suoi film sono stati presentati all’Institute for Contemporary Arts di Londra e all’International Short Film Festival a Oberhausen, tra gli altri. È membro del Visual Cultural Research Center (VCRC), iniziativa per l’arte, il sapere e la politica fondata a Kyiv nel 2008. Radynski ha esposto i suoi lavori all’Academy of the Arts of the World (Colonia); al Royal Institute of British Architects (Londra) e alla settima edizione della Biennale di Berlino.
  • Saskia Sassen
    Saskia Sassen insegna Sociologia alla Columbia University e fa parte del Committee on Global Thought. Studia le città, i fenomeni legati all’immigrazione e gli assetti statali nell’era dell’economia globale, lavorando soprattutto su tre assi: la disuguaglianza, l’identità di genere e la digitalizzazione. La sua ricerca più recente si intitola Expulsions: Brutality and Complexity in the Global Economy (Harvard University Press/Belknap), la cui tesi centrale è l’analisi della globalizzazione contemporanea come una realtà segnata da espulsioni sistematiche, generando più disuguaglianza e povertà. Tra le sue principali pubblicazioni: Territory, Authority, Rights: From Medieval to Global Assemblages ( Princeton University Press 2008), A Sociology of Globalization (W.W.Norton 2007), Cities in a World Economy (Sage 2012),  The Global City (Princeton University Press 1991/2001) e Guests and Aliens (New Press 1999).
  • Thomas Nail
    Thomas Nail è professore associato presso il Dipartimento di Filosofia dell’Università di Denver. Teorico del concetto di “kinopolitica”, si occupa di mobilità e migrazione ed è autore, tra i vari volumi, di The Figure of the Migrant (Stanford University Press, 2015), Theory of the Border (Oxford University Press, 2016), Being and Motion (Oxford University Press, 2018) e Theory of the Image (Oxford University Press, 2019).