Pierre Huyghe, Exomind, 2017.
Archive: Filter by: All
Close
All
Digital Library
Editions
Magazine
Projects
alterità
attivismo
biopolitica
critica d'arte
critica ecologica
filosofia politica
intersezionalità
massmedia
neuroscienze
nuove utopie
postcolonialismo
postumanesimo
queer
sottoculture
studi culturali
studi di genere
studi sociali
studi vocali
tecnologie
Cybernetic Culture Research Unit

Il Numogramma Decimale

H.P. Lovercraft, Arthur Conan Doyle, millenarismo cibernetico, accelerazionismo, Deleuze & Guattari, stregoneria e tradizioni occultiste. Come sono riusciti i membri della Cybernetic Culture Research Unit a unire questi elementi nella formulazione di un «Labirinto decimale», simile alla qabbaláh, volto alla decodificazione di eventi del passato e accadimenti culturali che si auto-realizzano grazie a un fenomeno di “intensificazione temporale”?

K-studies

Hypernature. Tecnoetica e tecnoutopie dal presente

Avery Dame-Griff, Barbara Mazzolai, Elias Capello, Emanuela Del Dottore, Hilary Malatino, Kerstin Denecke, Mark Jarzombek, Oliver L. Haimson, Shlomo Cohen, Zahari Richter
Nuove utopieTecnologie

Dinosauri riportati in vita, nanorobot in grado di ripristinare interi ecosistemi, esseri umani geneticamente potenziati. Ma anche intelligenze artificiali ispirate alle piante, sofisticati sistemi di tracciamento dati e tecnologie transessuali. Questi sono solo alcuni dei numerosi esempi dell’inarrestabile avanzata tecnologica che ha trasformato radicalmente le nostre società e il...

Il tempo delle meduse
Digital Library, November 2020
Tempo di lettura: 7 min
Museo de Arte Moderno de Buenos Aires

Il tempo delle meduse

Arte contemporanea ed emergenza sanitaria globale: un testo dell’équipe curatoriale del Museo de Arte Moderno de Buenos Aires.

Una historia de la imaginación en la Argentina, Museo de Arte Moderno de Buenos Aires, 2019, © Museo Moderno.

Il testo qui tradotto arriva da Buenos Aires dove, pochi giorni dopo l’inizio del lockdown argentino, l’immagine della medusa che nuota tra i canali di Venezia ha ispirato i curatori del Museo de Arte Moderno nella ricerca di risposte e domande su questo tempo globalmente sospeso. Quell’immagine ha incorporato le ataviche riflessioni sul tempo non lineare, anacronico,11Oltre ai testi fondamentali di Aby Warburg e Georges Didi-Huberman, tra gli altri, si consiglia la lettura del più recente Frank R., von Bismarck B. (ed.), Of(f) Our Times: Curatorial Anachronics, Sternberg Press, 2019.
 in cui viviamo e sul pensiero tentacolare che ormai da tempo stimola l’immaginario di intellettuali, artisti e istituzioni. L’ecocentrismo, già affrontato su queste stesse pagine, continua a portare i suoi frutti arricchendosi di pensieri ulteriori e complementari.

L’apparizione della medusa diventa un pretesto per rivedere la nostra relazione col mondo, lo spazio che abitiamo, la percezione del tempo e il movimento che in esso mettiamo in atto. Come già accaduto altre volte in passato, il rapporto umano con questo essere primordiale riporta alle radici del nostro esistere, al di là dei confini tra specie, geografici o disciplinari, e diviene occasione di riavvicinamento all’essenziale della natura del museo, quale spazio sociale e servizio pubblico del vivere collettivo.

Fabio Kacero, Earlater (2010), video still.

Il ruolo del museo nella pandemia è stato messo alla prova di fronte alla perdita della sua dimensione fisica e all’illimitato proliferare di soluzioni digitali alternative. Questo però ha anche permesso al museo, in alcuni casi, di espandere il suo raggio di azione nel tentativo di riacquisire un ideale spazio nel quotidiano delle sue (vecchie e nuove) comunità di pubblico.

Una historia de la imaginación en la Argentina, Museo de Arte Moderno de Buenos Aires, 2019, © Museo Moderno.

Il Museo de Arte Moderno de Buenos Aires ha così dato inizio a una serie di approfondimenti tematici online, coinvolgendo artisti e intellettuali argentini. Tiempo de medusas ha portato alla realizzazione di contributi video da parte di diversi artisti, di una lista di consigli di lettura, film e musica, di attività per bambini, come la creazione di uno zootropio, e una meditazione guidata sulla percezione del tempo. L’istituzione diventa in questo modo cassa di risonanza di un sentire collettivo e penetra nella dimensione domestica, facendosi ancora una volta spazio e archivio di riflessioni sul mondo a venire.

Il Museo Moderno aveva già dato prova in passato del desiderio di superare i confini tradizionalmente stabiliti da e per lo sviluppo della conoscenza umana, come con la mostra