Pierre Huyghe, Exomind, 2017.
Archive: Filter by: All
Close
All
Digital Library
Editions
Magazine
Projects
alterità
attivismo
biopolitica
critica d'arte
critica ecologica
filosofia politica
intersezionalità
massmedia
neuroscienze
nuove utopie
postcolonialismo
postumanesimo
queer
sottoculture
studi culturali
studi di genere
studi sociali
studi vocali
tecnologie
Cybernetic Culture Research Unit

Il Numogramma Decimale

H.P. Lovercraft, Arthur Conan Doyle, millenarismo cibernetico, accelerazionismo, Deleuze & Guattari, stregoneria e tradizioni occultiste. Come sono riusciti i membri della Cybernetic Culture Research Unit a unire questi elementi nella formulazione di un «Labirinto decimale», simile alla qabbaláh, volto alla decodificazione di eventi del passato e accadimenti culturali che si auto-realizzano grazie a un fenomeno di “intensificazione temporale”?

K-studies

Hypernature. Tecnoetica e tecnoutopie dal presente

Avery Dame-Griff, Barbara Mazzolai, Elias Capello, Emanuela Del Dottore, Hilary Malatino, Kerstin Denecke, Mark Jarzombek, Oliver L. Haimson, Shlomo Cohen, Zahari Richter
Nuove utopieTecnologie

Dinosauri riportati in vita, nanorobot in grado di ripristinare interi ecosistemi, esseri umani geneticamente potenziati. Ma anche intelligenze artificiali ispirate alle piante, sofisticati sistemi di tracciamento dati e tecnologie transessuali. Questi sono solo alcuni dei numerosi esempi dell’inarrestabile avanzata tecnologica che ha trasformato radicalmente le nostre società e il...

Intersezionalità e alterizzazione negli studi genere della comunità rom: intervista a Laura Corradi
Magazine, OTHERING – Part I - Settembre 2019
Tempo di lettura: 10 min
Lisa Andreani, Simona Squadrito

Intersezionalità e alterizzazione negli studi genere della comunità rom: intervista a Laura Corradi

Contro l’invisibilizzazione dei rom nella società e nel mondo accademico italiani.

Henri Rousseau, La zingara addormentata, 1897.

 

«Sono una traveller, attivista e studiosa, impegnata nei movimenti femministi, queer e deep ecology, contro la guerra e il razzismo, per la salute e i diritti sociali. Con un passato come operaia in fabbrica, ho studiato da autodidatta conseguendo il diploma di maturità all’età di 22 anni. Laureata a Padova in Scienze Politiche, ho svolto ricerca-azione sulla salute delle lavoratrici, sulla prevenzione di patologie cancerose, respiratorie, legate al degrado ambientale, nelle comunità etniche a basso reddito, tra rifugiati/e e in contesti indigeni. Ho preso un dottorato in sociologia alla University of California di Santa Cruz, e insegnato Feminist Theory e Sociology of Sexualities. Qui ho imparato l’attraversamento cross cultural e delle barriere disciplinari, la pedagogia non autoritaria e l’importanza di intersecare variabili di classe, genere, razza/etnia/cultura, età, orientamenti sessuali, religione, status e diverse abilità, nella ricerca sociale».11Dal sito Bodypolitics. Politiche del corpo.

Queste sono le parole che Laura Corradi, docente presso Dipartimento di Sociologia dell’Università della Calabria, dove insegna Studi di genere e metodo intersezionale, utilizza per presentarsi.

Nel 2018, Corradi pubblica per Mimesis la traduzione italiana di Il femminismo delle zingare. Intersezionalità, alleanze, attivismo di genere e queer. Si tratta di un volume fondamentale che nasce, come lei stessa dichiara nella prefazione italiana, «dall’urgenza di richiamare l’attenzione sui nuovi fenomeni sociali, poco conosciuti in Europa e quasi inesistenti in Italia: l’attivismo di genere e le lotte femministe nelle comunità zingare».22L. Corradi, Il femminismo delle zingare. Intersezionalità, alleanze, attivismo di genere e queer, Mimesis, Milano-Udine, 2018, p. 11.

Il volume si inserisce nella letteratura di riferimento relativa alle ricerche intersezionali e di genere, con implicazioni nei settori disciplinari più strettamente collegati agli studi LGBTQIA+, ma è anche uno strumento politico per un attivismo militante. Il lavoro di ricerca di Corradi testimonia e analizza l’emergere di un femminismo intersezionale all’interno della comunità rom, la stessa alla quale appartiene, attraverso lo sviluppo di una riflessione critica e intersezionale su razza, potere e privilegio. Il tentativo di Corradi è pertanto quello di generare nuove posizioni teoriche legate al pensiero femminista antirazzista e che siano in grado di sfidare le pratiche di esclusione.

Laura Corradi.

«Mi sono chiesta: perché non prendere in esame la possibilità di costruire percorsi conoscitivi e competenze critiche a partire dal margine della Calabria e delle comunità rom che vivono nella regione? La magia ha funzionato e abbiamo discusso di storia e lingua romanes, affrontato i temi della comunicazione e della leadership di comunità, imparato a decostruire gli stereotipi, l’anti-zingarismo e l’hate speech – guardando anche alle forme interiorizzate di auto-odio e ai processi di resilienza in corso. Un piccolo esperimento negli interstizi dell’istituzione – imperversano discorsi criminalizzanti e rom-fobici nel governo e nei media. Una goccia nel mare, ma è la nostra goccia – segno della possibilità di un cambiamento positivo».33Corradi, cit., p. 15.

Laura Corradi si confronta con la storia e con la retorica razzista, zingarofobica o anti-zingara, attraverso la narrazione di tutti quegli stereotipi di cui è vittima la comunità rom, oppressa di molteplici forme di discriminazione che pervadono ogni livello della societ&ag