Pierre Huyghe, Exomind, 2017.
Archive: Filter by: All
Close
All
Digital Library
Editions
Magazine
Projects
alterità
attivismo
biopolitica
critica d'arte
critica ecologica
filosofia politica
intersezionalità
massmedia
neuroscienze
nuove utopie
postcolonialismo
postumanesimo
queer
sottoculture
studi culturali
studi di genere
studi sociali
studi vocali
tecnologie
Cybernetic Culture Research Unit

Il Numogramma Decimale

H.P. Lovercraft, Arthur Conan Doyle, millenarismo cibernetico, accelerazionismo, Deleuze & Guattari, stregoneria e tradizioni occultiste. Come sono riusciti i membri della Cybernetic Culture Research Unit a unire questi elementi nella formulazione di un «Labirinto decimale», simile alla qabbaláh, volto alla decodificazione di eventi del passato e accadimenti culturali che si auto-realizzano grazie a un fenomeno di “intensificazione temporale”?

K-studies

Hypernature. Tecnoetica e tecnoutopie dal presente

Avery Dame-Griff, Barbara Mazzolai, Elias Capello, Emanuela Del Dottore, Hilary Malatino, Kerstin Denecke, Mark Jarzombek, Oliver L. Haimson, Shlomo Cohen, Zahari Richter
Nuove utopieTecnologie

Dinosauri riportati in vita, nanorobot in grado di ripristinare interi ecosistemi, esseri umani geneticamente potenziati. Ma anche intelligenze artificiali ispirate alle piante, sofisticati sistemi di tracciamento dati e tecnologie transessuali. Questi sono solo alcuni dei numerosi esempi dell’inarrestabile avanzata tecnologica che ha trasformato radicalmente le nostre società e il...

Dancing is what we make of falling (4, 5, 6): audio e sinossi dei talk
Magazine, PEOPLE - Part I - Luglio 2018
Tempo di lettura: 12 min
Francesca Vason, Lisa Andreani, Valeria Minaldi

Dancing is what we make of falling (4, 5, 6): audio e sinossi dei talk

Registrazioni audio e sinossi degli ultimi tre talk tenuti in occasione di "Dancing is what we make of falling" (OGR, Torino).

Crop Over, Sonia Boyce, 2007, 15′, two-channel video (production still: Mother Sally, collection: Barbados Museum and Historical Society.

Dal 13 settembre al 19 ottobre si è svolta a OGR, Officine Grandi Riparazioni Torino, l’iniziativa Dancing is what make of falling, un evento scandito in sei appuntamenti serali che hanno visto la proiezione di una serie di video d’artista e l’intervento di ricercatori e collaboratori all’interno di dibattiti e talk sugli argomenti affrontati dalla mostra.

Preso in prestito dal poeta e ricercatore Fred Moten, il titolo dell’evento trasforma “la caduta in una danza”, mostra un tentativo di osservare attraverso una diversa prospettiva tutto ciò che è considerato come “periferico”, “altro” rigettato dallo sguardo a difesa di immaginari precostituiti.

Le fioriere divelte dai manifestanti dopo l’omicidio del cittadino senegalese Idy Diene, Firenze, marzo 2018. Foto Enrico Ramerini – Cge.

A partire da tali premesse, siamo stati parte attiva dell’evento collaborando con OGR attraverso una duplice modalità: da un lato abbiamo selezionato e tradotto per la prima volta in italiano alcuni testi che consideriamo oggi necessari per approfondire il dibattito sull’attuale movimento queer, individuato da noi come espressione più peculiare di quell’“altro” e “periferico” a cui l’evento di OGR fa riferimento. Di seguito il riepilogo dei 6 testi che abbiamo tradotto e distribuito gratuitamente nel corso di ciascuna serata:

  • bell hooks, Selling hot pussy. Rappresentazioni della sessualità femminile nera nel mercato culturale, 1992.
  • Tim Lawrence, Una storia di drag ball, house e della cultura del voguing, 2011.
  • Emi Koyama, Il manifesto del transfemminismo, 2001.
  • Jason Ritchie, Come si dice in arabo “fare coming out”? L’attivismo queer e la politica della visibilità, 2010.
  • Jeffrey A. Tucker, “La contraddizione umana”: identità come/ed essenza nella trilogia Xenogenesis di Octavia E. Butler, 2007.
  • Moya Bailey, Virilità omolatente e cultura hip hop, 2013.

Dall’altro lato, la nostra collaborazione con OGR è consistita nella registrazione (consultabile sul nostro sito) dei vari talk che si sono tenuti in occasione di ciascuna serata e nella stesura delle relative sinossi che riportiamo qui di seguito per orientare il lettore nella fitta e complessa trama di argomenti che sono stati trattati.

Per approfondire la prima parte del nostro contributo clicca qui.

Testi di Lisa Andreani, Simona Squadrito e Francesca Vason.


Dancing is what we make of falling #4

“Ontologia della spazzatura” e “capitalismo anale” sono i due macro temi introdotti dalla curatrice Lucrezia Calabrò Visconti per attraversare la visione di Dust Channel di Roee Rosen e Dump Queen di Goldschmied&Chiari.

The Rebirth Of Sacred Cow Mixtape Trailer, Hardeep Pandhal, 2017, 4k video, 4’44”, Edition of 3 + 2 AP (PANDHAL-2017-0007).

La discussione parte da una riflessione su The Waste Land, il celebre poemetto di Thomas Stearns Eliot. Luogo di una terra infeconda, immagine del disagio della modernità e della morte senza ritorno, l’opera di Eliot vede come fondamentale la divisione del titolo in due parole. Secondo la curatrice della biblioteca di Harvard University la distanza tra i due termini, waste e land, sarebbe da considerarsi come catalizzante. Waste, infatti, rappresenta una situazione temporale, momentanea e precaria, mentre land