Pierre Huyghe, Exomind, 2017.
Archive: Filter by: All
Close
All
Digital Library
Editions
Magazine
Projects
alterità
attivismo
biopolitica
critica d'arte
critica ecologica
filosofia politica
intersezionalità
massmedia
neuroscienze
nuove utopie
postcolonialismo
postumanesimo
queer
sottoculture
studi culturali
studi di genere
studi sociali
studi vocali
tecnologie
Cybernetic Culture Research Unit

Il Numogramma Decimale

H.P. Lovercraft, Arthur Conan Doyle, millenarismo cibernetico, accelerazionismo, Deleuze & Guattari, stregoneria e tradizioni occultiste. Come sono riusciti i membri della Cybernetic Culture Research Unit a unire questi elementi nella formulazione di un «Labirinto decimale», simile alla qabbaláh, volto alla decodificazione di eventi del passato e accadimenti culturali che si auto-realizzano grazie a un fenomeno di “intensificazione temporale”?

K-studies

Hypernature. Tecnoetica e tecnoutopie dal presente

Avery Dame-Griff, Barbara Mazzolai, Elias Capello, Emanuela Del Dottore, Hilary Malatino, Kerstin Denecke, Mark Jarzombek, Oliver L. Haimson, Shlomo Cohen, Zahari Richter
Nuove utopieTecnologie

Dinosauri riportati in vita, nanorobot in grado di ripristinare interi ecosistemi, esseri umani geneticamente potenziati. Ma anche intelligenze artificiali ispirate alle piante, sofisticati sistemi di tracciamento dati e tecnologie transessuali. Questi sono solo alcuni dei numerosi esempi dell’inarrestabile avanzata tecnologica che ha trasformato radicalmente le nostre società e il...

Sul metodo triolettico, o della situlogia di Asger Jorn
Magazine, CAOS – Part I - Maggio 2022
Tempo di lettura: 19 min
Simone Rossi

Sul metodo triolettico, o della situlogia di Asger Jorn

Per un (dis)orientamento all’uso situazionista della topologia.

Jacqueline de Jong, The Situationist Times, 3, Hengelo, 1963. Courtesy di Ellef Prestsæter e Torpedo, Oslo, in collaborazione con Jacqueline de Jong, Malmö Konsthall e Museum Jorn.

 

Prolegomeni a una topologia eterodossa

È il 1964. Jacqueline de Jong ha già pubblicato i primi tre numeri di The Situationist Times (TST, 1962-67), «una rivista realizzata da artisti, non una rivista sull’arte»,11Ellef Prestsæter (ed.), These are Situationist Times, Torpedo Press, Oslo, 2019, p. 32.
e scrive una lettera22Ibid., pp. 15-17.
a un tal Mr. Welling, l’unico giornalista che sembra interessato a pubblicare una recensione sul progetto. Il tono è intimo e franco, non si vergogna di condividere le molteplici difficoltà incontrate sin dal principio e di criticare apertamente l’Internazionale Situazionista (IS), rea di aver espulso ingiustamente il braccio tedesco del movimento, il Gruppe SPUR. È evidente il disappunto che la pervade, eppure non si lascia trascinare via dall’odio, e la sua analisi riconosce senza indugio gli enormi debiti che il progetto ha nei confronti delle strategie situazioniste di détournement, dérive e modification. Ciò che colpisce però è la centralità di un altro elemento, secondario nel vocabolario situazionista, la topologia.

«Siamo interessati alla topologia perché c’è una certa connessione tra questa scienza e le nostre idee. “Analysis Situs” è il vecchio nome della topologia. È una matematica antieuclidea, […] una specie di matematica chewing gum, in cui tutto può essere cambiato».33Ibid., p. 16. Traduzione di chi scrive [We are interested in topology because there is a certain connection between this science and our ideas. “Analysis Situs” is the old name for topology. It is an anti-Euclidean mathematics, […] a kind of chewing gum-mathematics, in which everything may be changed].

Jacqueline de Jong, The Situationist Times, 3, Hengelo, 1963. Courtesy di Ellef Prestsæter e Torpedo, Oslo, in collaborazione con Jacqueline de Jong, Malmö Konsthall e Museum Jorn.

Prima di concludere la lettera, de Jong sottolinea tre punti chiave nell’economia del progetto. La topologia non è utilizzata né come strumento né in chiave simbolica, «ma nel modo più superficiale possibile», ossia formalmente, riempiendo lo spazio della doppia pagina; l’interesse è riversato verso una serie di figure topologiche, come la spirale, il nodo, il cerchio, il labirinto, forme astratte dal riverbero antro(to)pologico; la redazione è pensata come un collettivo mobile, un gruppo frammisto che condivide il rifiuto verso la settorializzazione del fare ricerca, «ci chiamavamo dilettanti professionisti! Ed eravamo contrari a tutto ciò che puzzava di specializzazione».4