Lina Lapelytė, What happens with a dead fish?, 2021.
Archive: Filter by: All
Close
All
Digital Library
Editions
Magazine
Projects
alterità
attivismo
biopolitica
critica d'arte
critica ecologica
filosofia politica
intersezionalità
massmedia
neuroscienze
nuove utopie
postcolonialismo
postumanesimo
queer
sottoculture
studi culturali
studi di genere
studi sociali
studi vocali
tecnologie
Cybernetic Culture Research Unit

Il Numogramma Decimale

H.P. Lovercraft, Arthur Conan Doyle, millenarismo cibernetico, accelerazionismo, Deleuze & Guattari, stregoneria e tradizioni occultiste. Come sono riusciti i membri della Cybernetic Culture Research Unit a unire questi elementi nella formulazione di un «Labirinto decimale», simile alla qabbaláh, volto alla decodificazione di eventi del passato e accadimenti culturali che si auto-realizzano grazie a un fenomeno di “intensificazione temporale”?

K-studies

Hypernature. Tecnoetica e tecnoutopie dal presente

Avery Dame-Griff, Barbara Mazzolai, Elias Capello, Emanuela Del Dottore, Hilary Malatino, Kerstin Denecke, Mark Jarzombek, Oliver L. Haimson, Shlomo Cohen, Zahari Richter
Nuove utopieTecnologie

Dinosauri riportati in vita, nanorobot in grado di ripristinare interi ecosistemi, esseri umani geneticamente potenziati. Ma anche intelligenze artificiali ispirate alle piante, sofisticati sistemi di tracciamento dati e tecnologie transessuali. Questi sono solo alcuni dei numerosi esempi dell’inarrestabile avanzata tecnologica che ha trasformato radicalmente le nostre società e il...

Who Was The Last To Have Seen The Horizon?
Magazine, MITO - Part I - Aprile 2019
Tempo di lettura: 1 min
Driant Zeneli

Who Was The Last To Have Seen The Horizon?

La cover di MITO Part I, no. 13 di KABUL magazine.

Driant Zeneli, Who Was The Last To Have Seen The Horizon?, 2018, video Full HD Courtesy, nctm x l’arte, Milan; Hestia, Belgrade.

 

In questo cortometraggio l’artista albanese mostra cinque personaggi, quattro ragazzi e un cane, che finiscono con il perdersi nell’orizzonte, fluttuando in un ambiente alieno, oscuro e silenzioso. Aggrappandosi l’uno all’altro riescono infine a trovare un sentiero e a riguadagnare quella linea che apparentemente divide il cielo e la terra. Perdere l’orizzonte può essere disorientante e spaventoso, ma è anche un’opportunità per rimettersi in gioco e trovare nuove strade.

Zeneli utilizza le immagini in movimento per avverare sogni che da sempre fanno parte dell’immaginario collettivo. Imprese utopiche che sfidano ogni legge della fisica sono realizzate da persone comuni o dallo stesso Zeneli rivelando un aspetto performativo fondamentale per la veridicità del film.

More on Magazine & Editions

More on Digital Library & Projects

Iscriviti alla Newsletter

"Information is power. But like all power, there are those who want to keep it for themselves. But sharing isn’t immoral – it’s a moral imperative” (Aaron Swartz)

di Driant Zeneli
  • Driant Zeneli è un artista albanese. Nel 2019 e nel 2011 ha rappresentato il padiglione albanese alla Biennale Arte di Venezia. Al centro della ricerca di Zeneli è la ridefinizione dell'idea di fallimento, utopia e sogno come elementi che aprono alternative possibili. Ha esposto in numerosi musei e centri d’arte internazionali.