Mathilde Rosier, Le massacre du printemps, 2019.
Archive: Filter by: All
Close
All
Digital Library
Editions
Magazine
Projects
alterità
attivismo
biopolitica
critica d'arte
critica ecologica
filosofia politica
intersezionalità
massmedia
neuroscienze
nuove utopie
postcolonialismo
postumanesimo
queer
sottoculture
studi culturali
studi di genere
studi sociali
studi vocali
tecnologie
Cybernetic Culture Research Unit

Il Numogramma Decimale

H.P. Lovercraft, Arthur Conan Doyle, millenarismo cibernetico, accelerazionismo, Deleuze & Guattari, stregoneria e tradizioni occultiste. Come sono riusciti i membri della Cybernetic Culture Research Unit a unire questi elementi nella formulazione di un «Labirinto decimale», simile alla qabbaláh, volto alla decodificazione di eventi del passato e accadimenti culturali che si auto-realizzano grazie a un fenomeno di “intensificazione temporale”?

K-studies

Hypernature. Tecnoetica e tecnoutopie dal presente

Avery Dame-Griff, Barbara Mazzolai, Elias Capello, Emanuela Del Dottore, Hilary Malatino, Kerstin Denecke, Mark Jarzombek, Oliver L. Haimson, Shlomo Cohen, Zahari Richter
Nuove utopieTecnologie

Dinosauri riportati in vita, nanorobot in grado di ripristinare interi ecosistemi, esseri umani geneticamente potenziati. Ma anche intelligenze artificiali ispirate alle piante, sofisticati sistemi di tracciamento dati e tecnologie transessuali. Questi sono solo alcuni dei numerosi esempi dell’inarrestabile avanzata tecnologica che ha trasformato radicalmente le nostre società e il...

Storia delle novità di Artissima (#artissimalive)
Magazine, MOBILITY - Part I - Settembre 2018
Tempo di lettura: 5 min

Storia delle novità di Artissima (#artissimalive)

Alcune immagini per ripercorrere le principali novità di Artissima apportate dal 2001 a oggi.

Quest’anno KABUL magazine farà parte della redazione di #ArtissimaLive, sezione coordinata da Elena Bordignon, fondatrice di ATPdiary, insieme ad Artdependence, Aujourd’hui Magazine, Widewalls e Wefindwildness.

14542691_10208884160035536_1509335226_n
Giunta alla sua 23esima edizione con la direzione artistica uscente di Sarah Cosulich, Artissima presenta una lunga storia di cambiamenti e innovazioni. Attraverso un breve itinerario di 10 immagini d’archivio accompagnate da relative didascalie dettagliate, abbiamo deciso di proporre una selezione delle principali novità apportate in fiera dal 2001 a oggi, dando anche alcune anticipazioni sull’edizione di quest’anno.


Artissima 2001 (Torino Esposizioni) – direttore: Roberto Casiraghi – Prima Edizione del Premio illy Present Future

Inaugurato nel 2001, il Premio illy Present Future è volto al sostegno degli artisti emergenti con un premio in denaro di 10mila dollari. Dal 2012 offre al vincitore l’opportunità di presentare un progetto presso il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, realizzato in collaborazione con il museo. Nella scorsa edizione del 2015, il premio è stato assegnato ad Alina Chaiderov, rappresentata dalla galleria Antoine Levi. La mostra personale dell’artista sarà presentata presso il Castello di Rivoli in concomitanza con Artissima 2016 [Photo: Alina Chaiderov – Antoine Levi (Parigi) – credits: Marco Anselmi].

 

 

14528311_10208884166635701_1655668129_n

Artissima 2007 (Lingotto Fiere) – direttore: Andrea Bellini – Video Lounge a cura di Cecilia Alemani

La rassegna video, all’interno di uno spazio appositamente disegnato a fianco della fiera, si focalizzava su LA GUERRA, LA PACE, L’ESTASI, includendo opere di oltre 40 artisti, tra cui Elisabetta Benassi, Nathalie Djurberg e Cyprien Gaillard. Qui il comunicato stampa dell’iniziativa.

«[…] Per permettere anche agli spettatori più impegnati di avere accesso al ricchissimo materiale in mostra, la Video Lounge offrirà 3 postazioni video-on-demand, dove i visitatori potranno richiedere di visionare i video in programma senza restrizioni di tempo e senza dover rispettare l’ordine di proiezione».

 

 

Artissima 2007 (Lingotto Fiere) – direttore: Andrea Bellini – Curare l’attrito e Uscire fuori dagli schemi, due giornate di seminario sulla pratica curatoriale a cura di Måns Wrange, Curator Lab, Stoccolma

L’iniziativa nasce con il proposito di approfondire, all’interno di un contesto fieristico, le tematiche curatoriali, creando così uno spazio di discussione e riflessione, quest’anno garantito da una programmazione di talk a cura di Stefano Collicelli Cagol e dal titolo What is experimental.

 

14527454_10208884174835906_2001340702_n

Artissima 2008 (Lingotto Fiere) – direttore: Andrea Bellini – The Italian Wave

Contest rivolto ad artisti italiani under 35 non rappresentati da alcuna galleria.

Fra i 1481 iscritti, la scelta è caduta su Dafne Boggeri, Rossana Buremi, Patrizio Di Massimo, Francesca Grilli, Jacopo Miliani, Alessandro Sciaraffa, Studio ++. Giuria internazionale: Sebastian Cichocki, direttore del Museum of Modern Art (Varsavia) – Gail Cochrane, direttrice di Fondazione Spinola Banna per l’Arte (Torino) – Sofía Hernández Chong Cuy, independent resident curator alla Kadist Art Foundation (Parigi) – Alessandro Rabottini, curatore presso la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea (Bergamo).

 

 

Artissima 2010 (Lingotto Oval) – direttore: Francesco Manacorda – Casa delle contaminazioni. Progetto del collettivo Raumlabor (Berlino)

Prototipo a grandezza naturale di un centro culturale in cui diverse discipline trovino un punto di incontro e dialogo. Il termine ‘contaminazione’, prima di divenire espressione di interdisciplinarità, ha un’accezione negativa che si riferisce all’impatto nocivo degli scarti industriali sull’ecosistema. Durante Artissima 2010, la Casa delle contaminazioni ha ospitato una fitta programmazione di incontri ed eventi.

2015_backtofuture_dan-gunn-and-ellen-de-bruijne_s-shared-booth-at-artissima-2015-dedicated-to-artist-michael-smith

Artissima 2010 (Lingotto Oval) – direttore: Francesco Manacorda – Prima edizione di BACK TO THE FUTURE

La sezione, coordinata da Eva Fabbris, si pone lo scopo di rivalutare artisti sottostimati dal mercato dell’arte operanti tra gli anni ’60 e ’70, fino a includere, nelle edizioni più recenti, gli anni ’80. Nel 2014, grazie alla partnership con la Fondazione Sardi per l’Arte, viene istituito il Premio Sardi per l’Arte Back to the Future, che assegna un premio in denaro di 5mila euro. Gallerie vincitrici dell’edizione 2015: Ellen De Bruijne (Amsterdam) e Dan Gunn (Berlino) con il progetto sull’artista Michael Smith (in foto).

ed-2353082_0x440

Artissima 2011 (Lingotto Oval) – direttore: Francesco Manacorda – Istituzione di Artissima Lido. Artissima Lido, progetto speciale a cura di Christian Frosi, Renato Leotta, Francesco Manacorda e Diego Perrone, costituito da una serie di mostre, performance, concerti e proiezioni commissionati direttamente da Artissima a 16 collettivi artistici e curatoriali provenienti da tutta Italia. Il programma si è sviluppato nel tessuto urbano della città coinvolgendo negozi, ristoranti, caffè, laboratori e cortili del Quadrilatero Romano, nella cui zona sono stati organizzati circa 30 diversi eventi.

Di seguito l’audio di All truly great thoughts are conceived while walking, progetto di Graham Hudson, in quel periodo in residenza presso Diogene, in collaborazione con Radio Papesse:

Altre info qui.
[Photo: Artissima 2011 – Lido 2011 C.o. C.A. interno. Courtesy C.o.C.A.]

 

heidi-bucher_1_studio-santorsola

Artissima 2013 (Lingotto Oval) – direttore: Sarah Cosulich Canarutto – One Torino

In linea con la volontà degli ultimi anni di estendere Artissima al di fuori dei confini del contesto fieristico, nel 2013 viene istituito il progetto speciale One Torino, rassegna annuale realizzata in collaborazione con le maggiori istituzioni d’arte contemporanea e sedi espositive della città. Mirato a rafforzare la rete delle istituzioni torinesi con un evento che coinvolge le realtà contemporanee più influenti attive sulla scena internazionale, One Torino ha visto la collaborazione di: Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Fondazione Merz, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e Palazzo Cavour. Nell’edizione di quest’anno, Artissima estenderà ulteriormente i propri confini fisici sino a includere l’aeroporto di Torino-Caselle, dove sarà sviluppato un progetto speciale in collaborazione con Torino Airport | Sagat, con un’installazione di Thomas Bayrle collocata nell’area Ritiro Bagagli. [Photo: Heidi Bucher – Repertory – Palazzo Cavour – Torino 2003. Curated by Gary Carrion-Murayari. Courtesy Studio Santorsola (Mousse Magazine)]

 

Artissima 2014 (Lingotto Oval) – direttore: Sarah Cosulich Canarutto – Istituzione di Per4m

Dopo Present Future e Back to the Future, viene inaugurata una sezione interamente riservata alla performance, allo scopo di offrire uno spazio autonomo a una forma d’arte difficilmente inquadrabile all’interno di un contesto fieristico.

Quest’anno, per la prima volta, dopo le due edizioni curate da Simone Menegoi, la direzione artistica sarà affidata al collettivo olandese If I Can’t Dance I Don’t Want To Be Part Of Your Revolution che, in linea con la sua ricerca, svilupperà un programma volto all’esplorazione della performance e alle sue declinazioni.

 

Artissima 2015 (Lingotto Oval) – direttore: Sarah Cosulich Canarutto – Musei in mostra

La sezione Musei in mostra, dedicata alle collezioni delle istituzioni d’arte contemporanea attive in Piemonte, cambia formato e viene ripensata come un’unica mostra tematica che espone opere scelte dalle diverse collezioni pubbliche e private. La prima edizione del progetto, a cura di Stefano Collicelli Cagol, si intitolava Inclinazioni. Quest’anno la curatela è affidata invece a Simone Menegoi, che presenterà un progetto espositivo dal titolo corpo.gesto.postura.

More on Projects & Magazine

More on Editions & Digital Library

Iscriviti alla Newsletter

"Information is power. But like all power, there are those who want to keep it for themselves. But sharing isn’t immoral – it’s a moral imperative” (Aaron Swartz)